Villa Adriana

Villa Adriana è la più grande delle residenze suburbane mai costruite in epoca romana.

Edificata tra il 118 e il 138 d.C. dall’Imperatore Adriano, la villa aveva dimensioni notevoli che superavano di gran lunga quelle di Pompei.

Attualmente ha una superficie di ca.120 ettari .

 

Tanti sono i motivi che spinsero l’imperatore Adriano a realizzare questa splendida dimora nei pressi di Tivoli.

In primo luogo la vicinanza alla città di Roma, ci troviamo ad una distanza di circa 30 km dal Palatino, dove gli Imperatori risiedevano.

La bellezza del territorio, la presenza dei materiali da costruzione quali il tufo e il travertino e soprattutto la disponibilità di acqua, con il passaggio in zona di ben 4 acquedotti.

Tanti sono gli edifici che caratterizzano la Villa.

Il Palazzo Imperiale, il Palazzo invernale, che all’occorrenza veniva riscaldato con la stessa tecnica di riscaldamento che riscontriamo nelle terme.

 

Molti impianti termali, tra questi i più noti sono le Piccole Terme e le Grandi Terme dotate anche di Palestra.

Meravigliose aree destinate ai banchetti, quali la Piazza D’Oro e il Canopo.

 

Biblioteche, Templi, il Teatro Greco, il celeberrimo Teatro Marittimo caratterizzato da una “domus” in miniatura, dove l’imperatore Adriano amava ritirarsi e poi tutto il sistema dei camminamenti sotterranei, i cd. criptoportici che servivano a rendere più veloce la comunicazione fra i diversi corpi di fabbrica.

Portici, giardini curatissimi, fontane, ninfei ,vasche a carattere decorativo completavano questa splendida villa  insieme ai preziosissimi manufatti, statue, mosaici, affreschi, marmi preziosi che arrivavano da tutto l’impero.

 

La tradizione vuole che Adriano in questa villa fece riprodurre i luoghi più famosi che aveva visitato nel corso dei suoi numerosi viaggi e che lui stesso si dilettò a progettare gli edifici straordinari della propria residenza. Una delle sue passioni fu l’architettura e costruì monumenti in tutto l’impero.

Dal Pantheon a Roma al Vallo di Adriano in Inghilterra.

 

Dopo la morte di Adriano, la Villa continua ed essere frequentata ancora per poco e in epoca medievale diventerà una grande cava da cui attingere ogni tipo di materiale.

Solo in epoca rinascimentale Villa Adriana verrà riscoperta. Da allora fino ad oggi molte sono state le campagne di scavi che hanno interessato questa sito. Nel corso del '500 se ne occupò anche Pirro Ligorio, architetto di Villa D'Este.

  • Villa Adriana
    Villa Adriana
  • Villa Adriana
    Villa Adriana
  • Villa Adriana
    Villa Adriana